Commenti da Facebook

Motegi, Giappone. Il pilota della Honda Marc Marquez trionfa portando a casa una vittoria importante. A 23 anni è ora il pilota più giovane a vincere tre titoli nella classe regina del Campionato del Mondo, e cinque campionati del mondo in tutte le classi nel corso in soli nove anni. Al secondo posto a Motegi vediamo Andrea Dovizioso, con la Ducati. Chiude terzo con Suzuki Maverick Vinales.

114511738-25652a5b-ce23-4190-9564-5cdbe34db0c9

E’ andata male invece per i due piloti Yamaha, Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, che cadono e si ritirano subito dopo. Lasciando così modo allo spagnolo Marc Marquez di trionfare.

083624100-307973d5-caf2-475e-b681-9bf1b1e8559b

Interviste ai piloti

Marc Marquez: È stato fantastico, non me l’aspettavo, pensavo fosse impossibile vincere qui ma poi ho visto Rossi cadere al terzo giro e ho deciso di spingere al 100% cercando la vittoria. Sono felice per la squadra ed i meccanici. La vittoria la dedico a mia nonna che è venuta a mancare quest’anno.

Valentino Rossi: Sono un pò amareggiato per essere caduto e tornare a casa a mani vuote. Mi spiace molto perchè sono stato veloce durante il weekend e partivo dalla pole position. Nella prima fase di gara ero competitivo con Marquez e con Lorenzo. Ci ho messo qualcosina in più di Marquez a superare Jorge ma non pensavo di cadere poco dopo. Mi sono ritrovato per terra all’improvviso, ma non mi sembrava di essere arrivato troppo lungo alla staccata. Questanno qualche errore e quel motore in fumo al Mugello hanno condizionato il mio campionato, e sinceramente non penso di essere mai stato troppo della partita per il titolo mondiale.

afp_h689a-kygc-429x458gazzetta-web_mediagallery-article

Jorge Lorenzo: Sono deluso perchè ho fatto un errore, ho spinto troppo in un momento della gara in cui la moto non lavorava bene con le gomme. All’anteriore non avevo messo la gomma giusta, se sceglievo la morbida credo che avrei avuto un feeling migliore. Il davanti infatti vibrava e spesso tendeva a chiudersi perciò non sono riuscito a stare con Marquez. Nel finale quando ho visto che arrivava Dovizioso ho ripreso a spingere, ma in quella curva sono caduto. Voglio congratularmi con Marc, quest’anno non aveva certo una moto superiore alle altre, ma è riuscito ad essere costantemente sul podio perciò si è meritato questo titolo.

 

Le pagelle

Marc Marquez. Voto 9: Ha ammesso che il fattore C è stato determinante ma il suo tentativo di fuga ha costretto gli altri a tirare e a sbagliare. 5 vittorie e 11 podi complessivi non sono certo roba piccola in un mondiale che ha offerto parecchie sorprese.

afp_h695v-u12096383830i1f-896x504gazzetta-web

Jorge Lorenzo. Voto 6: Arriva alla sufficienza perché ha corso in condizioni fisiche devastanti. Per il resto ha buttato via un podio sicuro dichiarando che la colpa è stata della scelta di gomme sbagliata.

Valentino Rossi. Voto 5,5: La pole avevo illuso tutti ma non Valentino, consapevole che in gara la storia sarebbe stata un’altra. Infatti è stato costretto subito alla rimonta per arginare la fuga di Marquez. Uno sforzo supplementare che come conseguenza ha portato al volo nella ghiaia.

Andrea Dovizioso. Voto 8,5: Riporta la Ducati su un podio che mancava dal Gran Premio d’Austria. Andrea se lo sentiva fin dal venerdì. Peccato che questa sicurezza sia mancata troppo spesso nell’arco del campionato.

Maverick Vinales. Voto 8: L’infortunio di Pedrosa gli ha spalancato le porte. Una stagione fuori media per lui e per la moto che guida. Ancora tre gare con la Suzuki poi toccherà al suggestivo confronto con Valentino Rossi.

 

Commenti da Facebook

19